Etichetta -endodonzia

1
Hi-tech Endo
2
Hyflex all’università degli studi dell’Aquila: strumenti sicuri e performanti.
3
OBTURA II : UN “BACKFILLING” RAPIDO ED EFFICACE
4
Glide Path
5
Preflaring endodontico
6
Traumi dentali in dentizione decidua
7
La diga di gomma in odontoiatria: grazie Dott. Barnum!
8
Ricostruzioni ONE-SHOT
9
Odontoiatria vs pacemaker: cosa fare?
10
ANGELUS

Hi-tech Endo

    Buongiorno ragazzi , cerchiamo di alleviare le fatiche del lunedì mattina con un video di tips and trick sulle cavità di accesso endodontico. Da poco abbiamo pubblicato il post su degli strumenti veramente innovativi ricordate?!! )  Endo Explorer by Komet … Così nel making off del video abbiamo sezionato il povero dente in più parti proprio per andare a vedere da vicino la fase di apertura della camera pulpare e la localizzazione e rilocazione degli orifizi dei canali radicolari. **piccolo trick** Dopo aver rimosso tutti i becchi dentinali ed esposto l’imbocco canalare ricontrollate sempre la lunghezza di lavoro. La rilocazione dell’orificio canalare infatti , specialmente nei canali curvi, comporta una riduzione della lunghezza di[…]

Leggi di più

Hyflex all’università degli studi dell’Aquila: strumenti sicuri e performanti.

  Giovedi scorso, 1 Dicembre, ho avuto il piacere di partecipare al corso pratico di endodonzia tenutosi presso l’università degli studi dell’Aquila, ho utilizzato le lime hyflex della Coltene ed ho ho riscontrato, nonostante ancora sia uno studente del 5 anno di odontoiatria, un eccellente margine di sicurezza. Il protocollo che tra poco vi andrò a presentare sarà quello di “ildentistaconlev4ns.com”. Gli Hyflex sono lime in NiTi altamente flessibili e resistenti alla frattura che hanno, a temperatura ambiente, una organizzazione cristallografica austenitica che permette all’operatore di precurvare lo strumento senza che questo subisca una memoria di forma (spring back quasi nullo), permettendoci di seguire con meno difficoltà l’anatomia dei canali più curvi.   PROTOCOLLO Sondaggio:[…]

Leggi di più

OBTURA II : UN “BACKFILLING” RAPIDO ED EFFICACE

Eccoci di nuovo a parlare di otturazione canalare,  nell’ultimo articolo vi ho illustrato la tecnica System b con cui realizzare l’otturazione del terzo apicale(gli ultimi 4-5mm), oggi vi parlerò di come otturare la parte restante del canale ossia i terzi medio e coronale attraverso la siringa Obtura II che ritengo essere semplice, rapida ed efficace. Come ogni volta l’articolo sarà suddiviso in: caratteristiche del prodotto, indicazioni, controindicazioni e la sistematica clinica. In commercio si trova il sistema Obtura III, io vi parlerò del precedente avendolo in studio ma i concetti e la tecnica non differiscono.   CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO Fig.1   Il sistema Obtura II nasce come strumento per l’intera otturazione del canale, è stata poi[…]

Leggi di più

Glide Path

Ancora endodonzia!! Dopo aver aver parlato del preflaring ed aver evidenziato quali fossero i suoi principali vantaggi, oggi mi sembra giusto affrontare la fase successiva: il Glide Path. Glide Path e’ un termine inglese dove “Glide” significa “scivolare” e “Path” significa “percorso”, possiamo tradurlo quindi come creare un “sentiero scivoloso, liscio”. ma perche’ e’ importante farlo? la maggior parte delle aziende al giorno d’oggi producono strumenti sempre più performanti che, a detta loro, ci permettono di aggredire il canale immediatamente, spesso bypassando la strumentazione manuale e\o il Glide Path. Per la mia esperienza credo sia estremamente importante eseguire una buona strumentazione manuale utilizzando la 8K-10K-10H-15K prima di inserire un Path File nel canale. Questo perché,[…]

Leggi di più

Preflaring endodontico

Dopo aver parlato di protesi oggi torniamo con un po di endodonzia. Preflaring…questa piccola lima, corta e spessa, nasconde una grande importanza. Vari studi hanno dimostrato che la frattura degli strumenti rotanti in NiTi la maggior parte delle volte dipende da stress da torsione e da stress da flessione. Lo stress da flessione può dipendere dall’anatomia del canale, dal raggio della curva del canale, dalla flessibilità dello strumento e dalla presenza di interferenze. Lo stress da torsione invece dipende dall’area di contatto tra le lame dello strumento e le pareti canalari, dalla pressione che esercitiamo sul manipolo, dal calibro della sezione dello strumento e il lume del canale nel quale sta lavorando, dalla conicità, dal[…]

Leggi di più

Traumi dentali in dentizione decidua

I traumatismi dentali sono un incidente frequente tra bambini e adolescenti. Si stima che un paziente su tre subisce un trauma dentale durante la propria vita, gran parte dei traumi dentali avviene in dentatura decidua, e solo il 22% dei traumi interessa i denti permanenti, 80% dei traumi sono localizzati nel mascellare superiore. Fino al 30% dei pazienti che subisce dei traumi dentali ha una recidiva, cioè subisce più traumi nel corso della vita. la maggior parte delle lesioni riportate sono correlate allo svolgimento di attività sportive o ad incidenti durante il gioco. In traumatologia dentale, la gestione dell’urgenza e il tempo sono fondamentali. Dunque, se un bambino arriva nel nostro studio per aver subìto[…]

Leggi di più

La diga di gomma in odontoiatria: grazie Dott. Barnum!

Oggi è 21 marzo 2016 meno di una settimana fa esattamente il 15 marzo era l’anniversario della scoperta della diga di gomma. Ho voluto scrivere questo articolo perché purtroppo ci sono ancora troppi colleghi che in conservativa ed endodonzia non la utilizzano. Ma andiamo con ordine, vorrei riportarvi le parole utilizzate all’epoca dal Dr. Sanford Christie Barnum: “In quel tempo, quando l’idea della diga di gomma sorse nella mia mente, stavo esercitando a Monticallis, Sullivan Co., New York. Fu il risultato della mia persecuzione da parte della saliva. Avevo passato delle ore, stanco e distratto dalla mia continua lotta contro le continue incursioni della saliva. Avevo passato numerose notti insonni ossessionato dal mio triste fallimento…[…]

Leggi di più

Ricostruzioni ONE-SHOT

Parliamoci chiaro, la conservativa possiamo tranquillamente considerarla come il “pane quotidiano” di uno studio odontoiatrico, per questo siamo continuamente alla ricerca di protocolli che rendano più veloce il nostro intervento senza in alcun modo abbassare la qualità. In conservativa ma soprattutto in endodonzia, sono sempre alla ricerca di un composito bulk-fill con il quale poter ricostruire tutto il dente ma che abbia anche una buona estetica. A questo proposito è da un po’ di tempo che utilizzo un composito della 3M che si chiama FiltekBulkfillPosteriorRestorative. E’ un composito fluido particolarmente indicato per i restauri di cavita profonde nel settore posteriore, possiamo applicarlo in strati da 4 mm come un normale bulk fill ma viene venduto[…]

Leggi di più

Odontoiatria vs pacemaker: cosa fare?

Le cardiopatie sono tra le patologie più frequenti e mi capita spesso di avere a studio un paziente portatore di pacemaker. Questo apparecchio non è nient’altro che un generatore di impulsi elettrici, ma come ben sapete, nel nostro studio abbiamo vari dispositivi elettronici che possono creare interferenze, per questo ho voluto creare un protocollo da seguire sia per aiutarmi a gestire questi casi con maggiore sicurezza, sia, facendo riferimento alla bibliografia attuale, capire quanto l’utilizzo dell’anestetico e di determinate apparecchiature odontoiatriche possano influire negativamente sul paziente.   Pacemaker vs anestetico locale Non ci sono interazioni note tra anestetico locale e pacemaker, ci sono però casi in cui è controindicato l’utilizzo di un vasocostrittore, questi sono:[…]

Leggi di più

ANGELUS

  Le perforazioni radicolari sono una delle complicazioni più frequenti durante il trattamento endodontico. Possono verificarsi durante la fase di apertura o nella fase di collocazione di un perno. Sono delle complicazioni severe in quanto compromettono il trattamento endodontico, se non viene diagnosticata e trattata correttamente possono portare alla perdita del dente. La decisione di salvare o no il dente dipende dalla grandezza, dall’ubicazione, dal livello della cresta ossea dalla perforazione e dalla relazione con la furca. MTA è un materiale di riparazione radicolare previene la microfiltrazione, permette la crescita del cemento e facilita la rigenerazione del ligamento periodontale.  Si tratta di una polvere di particole idrofiliche fine che induriscono in presenza di acqua. L’[…]

Leggi di più

Copyright © 2016. Created by Evolve Studio