PREPARAZIONI ORIZZONTALI: CHAMFER

Ben ritrovati per la terza parte delle preparazioni dei monconi dentali vitali e non. Dopo aver visto le preparazioni verticali “feather edge” e BOPT iniziamo a vedere quelle con linea di terminazione orizzontale partendo dalla tecnica “chamfer”.

Questa tecnica tra le orizzontali è la più conservativa ed è indicata quando si realizza un dispositivo interamente metallico o in metallo ceramica con collare in metallo.

 

SISTEMATICA DI PREPARAZIONE DEL MONCONE

  1. Anestesia
  2. Utilizzare fresa a fiamma a grana grossa ad anello verde,di 150 micron circa(fig.1) per eliminare i punti di contatto.
  3. Con una fresa chamfer a grana grossa ad anello verde,150 micron circa(fig.2)realizzare dei solchi guida sulle pareti assiali e sulla superficie occlusale rispettivamente di 0,5 e 1mm per dispositivo interamente in metallo o 1,5/2mm e 2 mm per uno in metallo ceramica. E’ importante lasciare almeno 2 mm in senso occluso-cervicale per la linea di terminazione.Schermata 2016-07-04 alle 13.13.41Fig.1

Schermata 2016-07-04 alle 13.13.58Fig.2

 

Schermata 2016-07-04 alle 13.14.12Fig.3

  1. Eliminare il tessuto restante alla profondità dei solchi con fresa chamfer per le pareti assiali e con una ad oliva ad anello verde(fig.3)per la superficie occlusale se si lavora sui posteriori,altrimenti per gli anteriori si può utilizzare la stessa chamfer. Bisogna cercare di ottenere una conicità complessiva tra i 10° e 20°.
  2. Definire la linea terminale della preparazione con fresa chamfer(fig.2) a linguale se in vestibolare in ceramica o per l’intero perimetro se il manufatto ha un collarino metallico a 0,5 mm.
  3. Rifinire l’intera preparazione con le frese di disegno utilizzate per la preparazione però a grana fina ad anello rosso di 46 micron circa.
  4. Impronta di precisione

 

Schermata 2016-07-04 alle 13.14.27

 

INDICAZIONI:

  • Quando la chiusura marginale viene realizzata in metallo.
  • Quando bisogna preservare un gran numero di tessuto dentale.
  • In denti parodontalmente sani.
  • Quando la corona clinica corrisponde a quella anatomica. 

     

     

VANTAGGI E SVANTAGGI:

  • Maggior preservazione del tessuto dentale.Il dentista sceglie dove far chiudere la corona e non il protesico.
  • Necessita di molta pratica e manualità dal momento in cui, essendo una linea di terminazione netta, deve essere ben visibile,lineare e priva di sottosquadri.
  • Bisogna essere molto critici nell’elezione dell’impronta poiché l’intera corona deve chiudere perfettamente sul margine preparato.
  • E’ una preparazione valida esclusivamente per il metallo
  • Scarso margine di modificazione essendo una preparazione terminale di 0,5 mm.

 

TRICKS:

  • Utilizzare cuneo e matrice metallica per eliminare i punti di contatto senza toccare il dente adiacente.
  • Non inclinare la fresa essendo già conica bisogna lasciarla lavorare mantenendola parallela all’asse del dente.
  • Controllare lo spazio protesico non uno strumento che abbia in punta la misura desiderata.
  • Per un buon controllo della turbina quando possibile utilizzare la seconda mano.
  • Controllare la conicità e la via d’inserzione del moncone da tutte le direzioni.
  • Non realizzare dispositivi con collare in metallo nel settore aneriore,perchè può trasparire dalla gengiva il colore grigio del metallo e in caso di recessione viene completamente denudato.
  • Controllare sempre di avere spazio protesico sufficiente. 

     

    BIBLIOGRAFIA:

  • Effect of Preparation Design on the Fracture Resistance of Zirconia Crown Copings.Florian Beuer, Hans Aggstaller, Daniel Edelhoff and Wolfgang Gernet.Dental Materials Journal 2008; 27(3): 362-367.
  •  A tooth preparation technique in fixed prosthodontics for students and neophyte dentists. Daniele Rosella,Giancarlo Rosella,Edoardo
  • Brauner,Piero Papi,Luca Piccoli,Luca Piccoli. Annali di Stomatologia 2015;VI (3-4): 104-109.
  • I principi delle preparazioni dentarie in protesi fissa. Gabriele Augusti,Enrico Manca,Gloria Fayer,Daniele Vrespa,Ugo Torquati Gritti. Il dentista moderno;Febbraio,2014.

a cura di Massimiliano Baldinetti

Circa l'autore

Dr.Valerio Di Calisto

Copyright © 2016. Created by Evolve Studio