Overdenture con OT EQUATOR

Poco tempo fa ho avuto la possibilità di partecipare a un incontro teorico pratico organizzato dalla Rhein83.
Ci hanno fatto riflettere su quando è meglio scegliere come trattamento protesico una protesi fissa o una overdenture.

Quando abbiamo bisogno della flangia protesica?
Per prima cosa bisogna guardare i fattori extraorali :
Spazi protesici: linea del sorriso, ampiezza del sorriso, ampiezza del labbro.
Bisogna fare un’attenta valutazione del sorriso, lunghezza del labbro superiore, spessore delle labbra e porzione di denti visibili a riposo. Per esempio labbra sottili e corte, e più di 3 mm di dente visibile a riposo, necessitano di soluzioni protesiche adatte per non inficiar estetica e funzione.
Nei tessuti mucosi spessi cheratinizzati con grande spessore osseo è consigliata una protesi fissa.
Nei tessuti mucosi sottili con poca gengiva cheratinizzata con scarso spessore osseo è consigliata una Overdenture.
In un osso tipo D1- D2 tollera meglio una protesi fissa mentre in un osso D3-D4 è consigliata una Overdenture.

Overdenture racchiude il concetto di ritenzione più stabilità.
Esistono due tipi di overdenture: una tessuto supportata ed impianto ritenuta; un’altra impianto supportata e impianto ritenuta ( overdenture con barra e controbarra o fully supported).
Nelle OVD mandibolari sono meglio attacchi singoli in quanto distribuiscono meglio le forze masticatorie.
Se l’antagonista sono denti naturali o protesi fissa allora è meglio un rinforzo con barra.

Se invece l’antagonista è una protesi totale o uno scheletrato non è necessaria una barra ma è sempre consigliabile un rinforzo della protesi.
È stato presentato un nuovo attacco “OT Equator” che rispetto agli altri attacchi permette alla protesi maggior stabilità, correggendo divergenze fino a 30 gradi tra gli impianti senza intaccare il funzionamento delle cappette ritentive e compensa fino a 50 gradi utilizzando le nuovissime cappette Smart Box.

schermata-2016-12-18-alle-23-32-02

 

Vantaggi:

●Minor ingombro

●Maggior estetica

●2 mm di altezza

●4,4 mm di larghezza

●1,3 mm di filettatura

 

schermata-2016-12-18-alle-23-37-32

Protocollo:

●  Tenere in considerazione i fattori extraorali che abbiamo spiegato precedentemente

●  OVD mandibolare attacchi singoli e 2 impianti in zona intraforaminale

●  OVD mascellare 4 impianti 2 in zona premolare e 2 in zona canina

●  Chirurgia 1 stage: impianto + vite di guarigione ( se ci sono le condizioni). 2 stage : impianto sommerso.

●  Il lembo può essere a spessore totale più scarico centrale o con scarico laterale , un lembo a spessore parziale o flapless.

 

Tecnica diretta ( ribasatura e fissaggio delle cappette in studio)

●  Posizionamento dell’attacco OT Equator adeguato all’altezza del bordo gengivale

●  Posizionamento dei dischetti protettivi e inserire il componente coppetta-contenitore in posizione

●  Controllare il corretto posizionamento della protesi prima di bloccare gli attacchi

●  Riempire i fori con resina autopolimerizzante della protesi e riposizionarla in bocca

●  A resina indurita rimuovere la protesi

●  Rimuovere i dischetti protettivi

●  Rifinire l’eccedente di resina

 

Tecnica indiretta (in laboratorio)

●  Posizionare il transfer per impronta sull’OT Equator

●  Impronta, possiamo usare anche un polietere

●  Inserire nell’impronta l’analogo in posizione e colare il modello in gesso

●  Il laboratorio ci consegnerà la protesi finita con struttura metallica all’ interno e le cappette nere (da laboratorio) saranno sostituite con quelle definitive della tenuta adeguata.

 

schermata-2016-12-18-alle-23-39-14

 

Un particolare ringraziamento al dott. Roberto Scrascia per la collaborazione.

 

 

Bibliografia:

1.Montanari Marco et all, Oral Rehabilitation with Implant-Supported Overdenture and a New Protocol for Bar Passivation ,Global Journal of Oral Science, 2016

2.Sadoswky SJ. Treatment considerations for maxillary implant overdentures: a systematic review. The Journal of Prosthetic Dentistry 2007,97:340-348.

3.Ortensi Luca et all, Il mascellare superiore edentulo, teamwork clinic n6, 2014

 

 

 

a cura della dott.ssa. Paola Polatti

Circa l'autore

Dr.Valerio Di Calisto

Copyright © 2016. Created by Evolve Studio