LAMPADE A LED DI 3 GENERAZIONE

Attualmente, negli ambulatori odontoiatrici vengono utilizzate le seguenti tre tecnologie principali per la fotopolimerizzazione dei materiali:

  • Lampade alogene
  • Lampade ad arco al plasma
  • Lampade a LED

Le alogene programmabili rimangono valide, verificate opportunamente. Hanno alcune limitazioni come la degradazione della lampadina, del filtro e del riflettore, producono alte temperature, e necessitano di certi tempi di polimerizzazione. Le lampade a elevata potenza (allo xenon e al plasma) sono state accantonate, dopo pochi anni di successo, perché sono state messe sul mercato senza essere mai state tarate sui compositi. I produttori di questi costosi dispositivi sostengono che i materiali polimerizzati mantengono inalterate le proprietà meccaniche a confronto con quelle dei materiali sottoposti al trattamento tradizionale, mentre i tempi di polimerizzazione si riducono significativamente. Tuttavia, i dati ottenuti dagli studi pubblicati contraddicono tali affermazioni.

Per superare i problemi inerenti alle unità alogene di fotopolimerizzazione  è stata proposta la tecnologia a LED (Light-Emitting Diode). Queste lampade al Led si basano sui diodi ad emissione luminosa. Oggi si è indirizzati verso le LED e il recente aumento delle loro potenze autorizza a pensare che possano dare una buona performance anche nelle situazioni cliniche più sfavorevoli, a patto che ci sia un’accurata taratura dei materiali.

Lampada alogena
Vantaggi                                                                              Svantaggi
Tecnologia a basso costo

Maggiore presenza nel tempo nell’industria dentale

Basso rendimento

Breve durata d’esercizio

Alte temperature (la lampada viene raffreddata a ventola)

Lo spettro continuo deve essere selezionato mediante filtro

Lampade ad arco al plasma
vantaggi                             svantaggi
Nella letteratura vi siano risultati discordi

Rendimento molto basso

Sviluppo di temperatura molto alte (la lampada è situata nell’unità di base e viene raffreddata a ventola)

Lo spettro continuo deve essere selezionato mediante filtri

Alto costo

Lampade a Led

vantaggi

                                                           svantaggi
missione compatibile, senza la necessità di sostituzione di bulbi

Nessuna necessità di sistemi di filtri

L’alta efficienza comporta: Basso sviluppo temperatura (non occorrono ventole)

Basso consumo energetico
(è possibile il funzionamento a batteria)

Facile pulizia della struttura grazie
all’assenza di fori per la ventola di raffreddamento

Lunga durata d’esercizio dei LED

Silenziosità

Per via dello spettro di emissione ristretto, i LED possono effettuare la polimerizzazione solo di materiali con un assorbimento massimo tra 430 e 480 nm (con canforochinone come fotoiniziatore)

Concentrerei l’attenzione sulla Lampada fotopolimerizzatrice S.P.E.C. 3 LED della casa Colt

SPEC3_LED_Unit_Base

Questo prodotto riduce efficacemente il tempo di polimerizzazione di diversi materiali fotopolimerizzabili e fornisce ogni volta eccellenti risultati di trattamento, può essere usato per la polimerizzazione intraorale ed extraorale dei materiali dentali polimerizzabili da luce visibile con fotoiniziatori al canforchinone (CQ). La lunghezza d’onda del picco di emissione è di 455 – 465 nm.

Si può impostare su 3 diverse modalità a seconda dell’ utilizzo:

Modalità 3K: per una polimerizzazione rapida quando il tempo è particolarmente importante, come nei bambini o nei pazienti con riflesso faringeo.

Modalità Ortho: polimerizza un intero arco di attacchi ortodontici con 2 intervalli da tre secondi per attacco. Il display a LED diventa di colore arancio. L’intensità luminosa sarà di 3000 mW/cm2. Indicata per polimerizzare un’intera arcata di attacchi ortodontici, o in totale 16 attacchi. Quando è attivata, la lampada polimerizzerà per circa 3 secondi per ogni lato mesiale o distale. Un lampeggio di mezzo secondo e un bip sonoro indicheranno quando ciascun lato dell’attacco sarà stato polimerizzato.

Modalità Standard: ideale per la maggior parte dei casi di polimerizzazione di compositi. display a LED diventa di colore VERDE. L’intensità luminosa sarà di 1600 mW/cm2.

Protocollo:

-impostare la modalità adeguata: Standard ; 3K ; Ortho

– Impostazione del tempo di polimerizzazione: Modalità 3K / Ortho: Premendo brevemente in sequenza l’interruttore modalità con luce ARANCIO si passa da uno all’altro dei 4 tempi impostabili  (1 s ➝2 s ➝3 s ➝modalità Ortho).

– Per cambiare la modalità di polimerizzazione tenere premuto l’interruttore modalità per 3 secondi le luci VERDE e ARANCIO si scambiano.

TRICK: visto che il composito contrae verso la luce è meglio indirizzare la luce della lampada dietro la cuspide da ricostruire

Prezzo: 794,00 iva esclusa

https://art.torvergata.it/retrieve/handle/2108/103785/206758/La%20Fotopolimerizzazione.pdf

http://www.odontoiatria33.it/cont/pubblica/clinica-e-ricerca/contenuti/9644/lampade-fotopolimerizzatrici-alogene-lampade-confronto.asp

https://www.coltene.com/fileadmin/Data/EN/Products/Adhesives_Restoratives/Curing_Lights/SPEC3/60018427_09-14_Brochure_SPEC3_IT.pdf

https://www.researchgate.net/publication/10649538_Light-emitting_diodes_%28LED%29_technology_applied_to_the_photopolymerization_of_resin_composites

Paola Polatti

Circa l'autore

Fabio De Propis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Copyright © 2016. Created by Evolve Studio