Custom NiTi: come precurvare i nostri file in Nichel-Titanio

Sono poco più di 20 anni che il nichel-titanio e’ stato introdotto in endodonzia e da allora ha modificato radicalmente la terapia endodontica. Prima del Niti sia la fase di scouting iniziale che la sagomatura ed il finishing erano a carico delle lime manuali K in acciaio, che spesso, per la loro scarsa flessibilità (soprattutto a diametri aumentati) aumentavano il rischio di creare false strade o gradini che complicavano non di poco il trattamento endodontico.

La lega nichel titanio e’ stata sviluppata per la prima volta intorno agli anni 60 da un americano di nome Buehler e denominata successivamente Nitinol dai laboratori navali della marina statunitense.

La caratteristica principale del Niti e’ la trasformazione martensitica termoelastica e cioè la capacità del materiale di passare dalla fase austenitica a quella martensitica se sottoposto ad uno stress meccanico (SIM- stress induced martensite) o ad uno stimolo termico (TIM- thermally induced martensite).

martensite

La fase austenitica e’ una organizzazione cristallografia più stabile caratterizzata da una configurazione interna a reticolo cubico nella quale troviamo il Niti a temperatura ambiente, è caratterizzata da  una maggiore stabilita e la incontriamo in uno strumento a riposo, la fase martensitica si manifesta quando il nichel titano viene stimolato con stimoli meccanici o termici. Il Niti passa in fase martensitica nel momento che viene introdotto nel canale in movimento e quindi gli viene apportato uno stimolo meccanico. La nostra idea nasce dalla necessita di precurvare e bloccare uno strumento nella sua fase martensitica applicando uno stimolo termico, per affrontare un esigenza clinica.

 

Vediamo ora come precurvare i nostri strumenti endodontici nel caso fosse richiesto durante la pratica clinica.

 

Protocollo:

 

  • Prendere il file e mantenerlo precurvato (fase martensitica)
  • Prendere il ghiaccio spray e congelare lo strumento mantenendolo precurvato, bloccandolo cosi in fase martensitica ed evitando il suo ritorno elastico.

Vantaggi:

 

  • Possibilità di mantenere precurvato il file e bypassare problematiche canalari come gradini e false strade
  • Miglior raggiungimento di curvature del terzo apicale
  • Entrata dello strumento più agevole nel caso di sesti e settimi inferiori in pazienti con una limitata apertura della bocca.

copertina2niti

Al momento non siamo a conoscenza di studi bibliografici a conferma che le caratteristiche del nostro file niti, dopo aver subito un trattamento di congelamento, restino invariate ed ancora sicure, ne sconsigliamo quindi l’uso clinico. Ci sono altre sistematiche che utilizzano un particolare tipo di Niti che può essere precurvato senza alcun tipo di trattamento termico, solo applicando una leggera pressione.

 

Bibliografia

  • Kuhn G, Jordan L. Fatigue and mechanical propertiesof nickel-titanium endodontic instruments. J Endod 2002Oct;28(10):716-20.
  • Jordan L, Goubaa K, Masse M, Bouquet G. Comparativestudy of mechanical properties of various ni-ti based shape memory alloys in view of dental and medical applications. Journal de Physique 1991;1:139-144.
  • Duerig TM, Pelton A, Stockel D. An overview of nitinol medical applications. Materials Science and Engineering A1999;273-275:149-160.
  • Funakubo H. Shape memory alloys. Gordon & Bleach,New York, NY, USA, 1987.

 

a cura del dott.Fabio De Propris e del dott.Valerio Di Calisto

Circa l'autore

Dr.Valerio Di Calisto

Copyright © 2016. Created by Evolve Studio