Categoria -Implantologia

1
CONSENSO : UNA QUESTIONE MEDICO-ETICA
2
Any Ridge MEGAGEN
3
Gestione dell’alveolo post estrattivo
4
IMMAGINI VOLUMETRICHE 3D
5
Radiographic Points
6
Zirconia stratificata
7
IMPRONTE SU IMPIANTI
8
Superfici implantari ibride
9
SISTEMATICA B&B DENTAL
10
LA COMUNICAZIONE CON IL LABORATORIO PROTESICO

CONSENSO : UNA QUESTIONE MEDICO-ETICA

Sono sicura che articoli di implantologia, conservativa o endodonzia possano risultare più stimolanti, ma ogni volta che ci si incontra tra colleghi in special modo giovani che si affacciano alla professione, emerge sempre una questione spinosa: il consenso informato. Il consenso informato in medicina rappresenta il momento in cui il paziente, informato in maniera veritiera, chiara e completa della terapia proposta dal clinico, accetta liberamente il trattamento sanitario. Nella giurisprudenza italiana quest’ obbligo é regolamentato dall’art. 32 della Costituzione: ” Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana” e a livello disciplinare dal codice[…]

Leggi di più

Any Ridge MEGAGEN

Parliamo di impianti: impianto Any Ridge della Megagen. Vorrei darvi alcune linee guida per utilizzare questo tipo di impianto, illustrando le sue caratteristiche e dandovi un protocollo chirurgico. Oggi sentiamo molto parlare del problema delle connessioni: connessioni interne, esterne, coniche e cono morse. Lo spazio tra fixture e abutment, specie in presenza di micromovimenti tra le due componenti implantari, permette ai microrganismi di proliferare in un ambiente ideale, chiuso coronalmente dall’attacco epiteliale; questa situazione provoca spesso un riassorbimento osseo di circa 2 mm apicalmente al microgap. Quindi quale connessione scegliere? le connessioni con esagono interno ed esterno hanno dimostrato di avere minore stabilità nel tempo e una infiltrazione batterica più rapida. Diversi Autori hanno dimostrato[…]

Leggi di più

Gestione dell’alveolo post estrattivo

  In seguito ad un’estrazione, la cresta alveolare  va incontro ad una diminuzione di volume e  a cambi morfologici. Questi cambi tridimensionali sono clinicamente molto significativi e  possono complicare il posizionamento di un impianto e  la protesizzazione di quest’ultimo. (1) La socket preservation è un trattamento che ha come obbiettivo ridurre il più possibile la perdita d’ osso orizzontale e verticale in siti post-estrattivi ed è particolarmente indicata nei settori anteriori per la preservazione della teca vestibolare (che sappiamo essere la zona di maggiore perdita).  Generalmente la perdita d’ osso più significativa avviene in senso orizzontale per poi essere seguita da una perdita verticale. (2)Per prevenire questa situazione clinica sono state descritte diverse tecniche e sistematiche.[…]

Leggi di più

IMMAGINI VOLUMETRICHE 3D

Quando si parla di chirurgia ed implantologia credo che sia assolutamente necessaria fare una corretta analisi radiografica per poter progettare l’intervento nella maniera più sicura e corretta. Quali esami radiografici dobbiamo richiedere al paziente per una corretta valutazione implantare? Le tecniche radiografiche tradizionali, quale l’ortopantomografia, sono spesso insufficienti per progettare l’intervento chirurgico, perché rappresentano un’indagine bidimensionale che peraltro soprattutto nei settori posteriori delle ossa mascellari, forniscono una rappresentazione non in scala 1:1 delle strutture ossee prese in esame. Dobbiamo richiedere una tomografia computerizzata (TC) o una Cone Bean CBCT (Cone Beam Computed Tomography). La TC è basato su radiazioni ionizzanti (raggi X) grazie al quale si è in grado, grazie a programma di software denominato[…]

Leggi di più

Zirconia stratificata

Negli ultimi anni la zirconia o ossido di zirconio, si è fatta strada nel mondo dell’odontoiatria in ambito protesico grazie alle sue ottime proprietà fisico chimiche che la rendono biocompatibile,difficolta l adesione batterica,è altamente resistente alla frattura ed è inoltre molto versatile,possiamo infatti trovare dispositivi come corone,ponti,abutment implantari e strutture per protesi removibili realizzate con questo materiale. Uno degli svantaggi di questo materiale consisteva nella bassa componente estetica a causa della sua opalescenza e monocromia, vieniva dunque solitamente utilizzata come struttura di elementi protesici per poi collocare in superficie strati di altri materiali come compositi o ceramiche. Quando andiamo a sostituire uno o più elementi dentari dobbiamo restituire oltre alla funzione una componente estetica cercando[…]

Leggi di più

IMPRONTE SU IMPIANTI

Abbiamo già trattato vari argomenti sugli impianti sulle caratteristiche ideali sui vantaggi e svantaggi  delle forme, delle connessioni, delle superfici ecc… oggi voglio parlare di una delle fasi più importanti della chirurgia implanto-protesica: il momento dell’impronta. Prima di tutto chiariamo il concetto di impronta in implantologia, si tratta della rilevazione di una posizione tridimensionale nello spazio dell’impianto e non la ricerca del dettaglio della preparazione. Essa è ottenuta con l’utilizzo di transfer preparati dall’industria che si adattano alla testa dell’impianto. È quindi molto importe quando andiamo a scegliere una casa implantare dare importanza oltre alla qualità costruttiva degli impianti anche agli accessori relativi alla metodica prescelta. Esistono diversi tipi di impronta su impianti: l’Impronta pick-up[…]

Leggi di più

Superfici implantari ibride

  Dal 21 al 23 di marzo 2016 ho avuto il piacere di partecipare a Tirana ad un corso di chirurgia pratico su paziente organizzato dal Dott. Fabio De Propris con la partecipazione dell’azienda implantare Ires. Il corso ha avuto una durata di tre giorni, durante i quali ho provato la sistematica Ires che ho trovato piuttosto semplice ed intuitiva. Prima di parlarvi dettagliatamente della sistematica vi faccio una breve introduzione sul tipo di impianto che abbiamo utilizzato. L’ires produce tre tipi di impianti diversi, gli ShapeOne, IMax e Volution, gli impianti da noi inseriti durante il corso e dei quali ora vi parlerò sono stati gli ShapeOne S1B. Questi impianti vengono prodotti dall’azienda in[…]

Leggi di più

SISTEMATICA B&B DENTAL

Oggi vorrei avere il piacere di parlarvi di una sistematica implantare. Qualche settimana fa ho partecipato a un workshop organizzato dalla B&B dental implant company e vorrei parlarvi appunto di questo. La B&B dental è una società italiana specializzata nella progettazione degli impianti dentali e materiale di rigenerazione ossea. Introduce tre tipologie di impianti i DURAVIT 3P; DURAVIT EV, DURAVIT SLIM. Presentano diverse caratteristi per essere utilizzati in diverse situazioni. Cos’ hanno in comune? -il platform switching che implica lo spostamento del collegamento protesico verso il centro con l’ aumento della distanza che separa l osso dalla piattaforma dell’impianto. Questo permette di avere una stabilità estetica a lungo termine, una riduzione della perdita ossea e[…]

Leggi di più

LA COMUNICAZIONE CON IL LABORATORIO PROTESICO

  INTRODUZIONE   Da sempre la protesi è uno dei trattamenti più frequenti che realizziamo in studio,dal momento in cui vi sono diversi componenti che possono portare a la perdita di elementi dentari . La progettazione del trattamento protesico è particolarmente complessa e genericamente richiede più tempo di altri trattamenti,poiché dalla diagnosi iniziale alla fabbricazione della protesi definitiva ci sono diversi passaggi e fattori di cui sia noi sia il laboratorio dobbiamo tenere in considerazione. Per la maggior parte dei casi è il protesico o odontotecnico a fabbricare la protesi che dovremo inserire nella bocca del nostro paziente, è dunque fondamentale facilitare il suo lavoro come meglio possiamo senza andare a discapito dei principi biologici[…]

Leggi di più

Copyright © 2016. Created by Evolve Studio