Categoria -Implantologia

1
Megagen AnyRidge: primo contatto !
2
Il testo unico sulla tutela della Privacy: gli obblighi dell’odontoiatra
3
IDI Evolution: Impianti hi-tech
4
Composito GC GRADIA DIRECT
5
Il segreto professionale
6
Riabilitazione implanto protesica di una edentulia totale
7
RADIOGRAFIA DIGITALE AI FOSFORI
8
Sweden & Martina che semplicità..
9
Sconfiggiamo la Perimplantite
10
Sedazione cosciente endovenosa

Megagen AnyRidge: primo contatto !

Nel precedente articolo Any Ridge MEGAGEN abbiamo visto le caratteristiche del gold standard di megagen: l’impianto AnyRidge. Ora vediamo nello specifico le componenti del kit e come mettere in pratica tutti gli accorgimenti con lo scopo di utilizzarlo nel miglior modo e aver un buon successo implantare. Nel kit in alto a sinistra troviamo la chiave dinanometrica, seguita dai pin per controllare l’inclinazione dell’impianto (director indicator) e dai path finder. Nella sezione sottostante abbiamo le frese per svasare la parte superiore del tunnel implantare (cortical bone drill), corte, tozze e con punta inattiva. All’interno del kit troviamo la fresa lancer e una serie di frese di lunghezza a diametro crescente con o senza stop. Quelle senza stop presentano[…]

Leggi di più

Il testo unico sulla tutela della Privacy: gli obblighi dell’odontoiatra

  Spesso parlando con i vari colleghi sugli oneri del professionista, noto la confusione tra segreto professionale e quello che è il consenso del trattamento dei dati personali (volgarmente chiamato privacy), quindi ho pensato di scrivere questo post per condividere con voi info e trick in tema di privacy. Dopo aver chiarito di che cosa tratta il segreto professionale nei precedenti posts( il segreto professionale ), oggi parleremo della privacy, o meglio del codice in materia di protezione dei dati personali e i doveri a carico del professionista odontoiatra. Entriamo un po’ nella terminologia (Art. 4) Con il termine dato personale si intende “qualsiasi informazione riguardante una persona fisica identificata o identificabile “. Questa definizione include[…]

Leggi di più

IDI Evolution: Impianti hi-tech

Dopo aver parlato la settimana scorsa di adesivi e compositi dentali, oggi torniamo a parlare di implantologia. La scorsa settimana ho avuto il piacere di provare un sofisticato motore implantare, il TMM2 dell’azienda Idievolution. La sistematica di questo motore si divide in 4 fasi: Foratura Lettura Maschiatura Inserimento Ma cosa ha di particolare questo motore?  Dopo la sequenza delle tre frese iniziali, l’operatore inserirà la fresa/sonda ( quella viola nella foto) che rileverà la densità ossea, ed impostando il tipo di impianto richiesto,  il motore selezionerà la sequenza di frese per avere la miglior stabilita primaria. L’ordine della sequenza di frese verrà visualizzata direttamente dall’operatore sul kit chirurgico. Inoltre l’operatore potrà visualizzare costantemente, millimetro dopo[…]

Leggi di più

Composito GC GRADIA DIRECT

Oggi parliamo di restauri diretti con il composito Gradia Direct della GC. Questo composito ibrido è composto da una matrice a micro-riempimento di resina composita costituita da composti di silicio e da riempitivi pre-polimerizzati (64-65% di filler e 0.85 micron di particella media). La GC ci mette a disposizione: Colori Standar (Per la tecnica a colore singolo o a più colori, sia per restauri anteriori che posteriori.) e Colori Special (Per la tecnica a più colori). Di colori special ne esistono due versioni: Colori Inside Special e Colori Outside Special. GC GRADIA DIRECT Anterior è adatto per: Cavità di Classe III, IV , V, nei difetti cuneiformi, nelle cavità prodotte sulle superfici radicolari, come Veneer[…]

Leggi di più

Il segreto professionale

Tempo fa abbiamo parlato del consenso informato e delle sue caratteristiche medico-legali; oggi tratteremo assieme un altro aspetto etico e giuridico della nostra professione. L’odontoiatra è un professionista a continuo contatto verbale con i propri pazienti, che molto spesso, per sfogare lo stress emotivo indotto anche delle terapie odontostomatologiche, tendono a parlare con il professionista stesso. Appare quindi evidente che il medico e anche il dentista siano custodi oltre che delle patologie che affliggono i propri pazienti anche delle informazioni inerenti la loro sfera personale. Da ciò deriva una necessaria tutela della riservatezza del paziente, regolamentata nella professione medica sia a livello disciplinare dal codice di deontologia medica, sia a livello normativo dall’art. 622 del[…]

Leggi di più

Riabilitazione implanto protesica di una edentulia totale

L’assenza di elementi dentari è ancora oggi uno dei problemi di non facile soluzione. Oggi parliamo di chirurgia implantare ed ho il piacere di presentarvi un caso del dott. Fabio De Propris e del dott. Neritan Agalliu. La riabilitazione con protesi mobile completa è considerata quasi sempre una soluzione complicata per l’arcata inferiore, in particolare quando ci troviamo di fronte a creste alveolari di anatomia e morfologia sfavorevole. Infatti in bibliografia si riporta che nel periodo dai 6 mesi ai 2 anni dopo le estrazioni dentarie, si verifica un importante riassorbimento della cresta alveolare, nei primi 6 mesi avremo un riassorbimento pari al 23% della cresta alveolare e di un 11% nei successivi 5 anni.[…]

Leggi di più

RADIOGRAFIA DIGITALE AI FOSFORI

Nonostante i temi piu gettonati del nostro sito siano sempre endodonzia, chirurgia, implantologia e conservativa, oggi parleremo di radiologia… Radiologia digitale o analogica? Oggi voglio rispondere a questa domanda. Per prima cosa cerchiamo di capire cosa significa radiologia analogica e digitale. La prima è la radiografia tradizionale costituita da pellicole e sviluppi fotografici invece si definisce radiologia digitale la raccolta, elaborazione e archiviazione delle immagini radiografiche sotto forma di dati informatici, utilizzando quindi un computer e appositi programmi. Ciò che rimane costante in entrambi i casi è la fonte di esposizione (RX) e il risultato finale (l‘ immagine); ma ciò che si rinnova e si continua ad evolvere è il processo di acquisizione ed elaborazione[…]

Leggi di più

Sweden & Martina che semplicità..

La chirurgia guidata è una tecnica di trattamento implantare che include i seguenti step: diagnosi pianificazione posizionamento. L’operatore ha il vantaggio di poter  pianificare l’intervento con l’ausilio di viste 3D complete dell’anatomia radiologica del paziente che gli permette di valutare quindi con precisione le dimensioni e la posizione finale dell’impianto dentale. Lo step successivo sarà l’utilizzo di dime chirurgiche che guideranno l’operatore nel posizionamento implantare sulla base della pianificazione 3D. Sweden & Martina ci mette a disposizione due tipologie di impianti: Impianti Premium: con emergenza coronale cilindrica con colletto liscio di 0.80 mm di altezza, con incisioni apicali che aumentano la stabilità primaria, autofilettanti e creano zone di decompressione, connessione interna con esagono. Abbiamo sia con Sistema Switching[…]

Leggi di più

Sconfiggiamo la Perimplantite

Negli ultimi anni l’impianto dentale si è convertito nel trattamento standard per la riabilitazione del paziente totalmente e parzialmente edentulo. Il maggior rischio per la perdita di un impianto è dovuto a una complicanza tecnica, a una reazione infiammatoria dei tessuti perimplantari e alla suscettibilità del paziente dinanzi ai fattori di rischio. La Perimplantite è definita come: una perdita progressiva ossea ≥2mm dal limite dell’osso in fase di posizionamento un riassorbimento maggiore ≥1.5mm durante il 1° mese una presenza di sanguinamento al sondaggio una perdita di inserzione ≥5mm presenza di essudato purulento   Fattori di rischio: Carica prematura dell’impianto Tabagismo Malattie sistemiche: Diabete mellito scompensato e ipotiroidismo scompensato Cattiva igiene orale Storia precedente di periodontite[…]

Leggi di più

Sedazione cosciente endovenosa

Il trattamento dell’ansia e del dolore nel paziente odontoiatrico rappresenta una parte importante della pratica odontoiatrica purché la sedazione cosciente sia sicura, efficace, controllabile e l’analgesia completa e duratura. Un controllo non adeguato dell’ansia e del dolore può rendere talvolta impossibile l’esecuzione di determinate procedure odontoiatriche quindi un loro controllo renderà molto più sicure le procedure odontoiatriche. L’A.I.S.OD. (ASSOCIAZIONE ITALIANA SEDAZIONISTI ODONTOIATRI) ritiene attuale l’affermazione del General Dental Council (GDC): “I dentisti hanno il dovere di assicurare ed i pazienti il diritto di attendersi le misure adeguate per il controllo del dolore e dell’ansia. I metodi farmacologici per il controllo del dolore e dell’ansia includono l’anestesia locale e le tecniche di sedazione cosciente”.   Che[…]

Leggi di più

Copyright © 2016. Created by Evolve Studio