Categoria -Endodonzia

1
Preflaring endodontico
2
BIODENTINE: Il sostituto dentinale bioattivo
3
Gutta Condensor
4
ParaPost Taper Lux
5
Traumi dentali in dentizione decidua
6
RootBuddy
7
La diga di gomma in odontoiatria: grazie Dott. Barnum!
8
L’ ANESTESIA IN ODONTOIATRIA
9
Ricostruzioni ONE-SHOT
10
Odontoiatria vs pacemaker: cosa fare?

Preflaring endodontico

Dopo aver parlato di protesi oggi torniamo con un po di endodonzia. Preflaring…questa piccola lima, corta e spessa, nasconde una grande importanza. Vari studi hanno dimostrato che la frattura degli strumenti rotanti in NiTi la maggior parte delle volte dipende da stress da torsione e da stress da flessione. Lo stress da flessione può dipendere dall’anatomia del canale, dal raggio della curva del canale, dalla flessibilità dello strumento e dalla presenza di interferenze. Lo stress da torsione invece dipende dall’area di contatto tra le lame dello strumento e le pareti canalari, dalla pressione che esercitiamo sul manipolo, dal calibro della sezione dello strumento e il lume del canale nel quale sta lavorando, dalla conicità, dal[…]

Leggi di più

BIODENTINE: Il sostituto dentinale bioattivo

Come tutti sappiamo, la perdita di dentina(coronale o radicolare),riduce significativamente l’ integrità del dente. La sostituzione con un materiale che sia capace di restaurare l’ integrità fisiologica del dente è quindi di fondamentale importanza,sia per aumentare la resistenza del elemento danneggiato sia per preservare e proteggere la polpa dentale.   Dall’ idrossido di calcio al MTA , la ricerca continua di un materiale “ideale” ha portato ad evoluzioni e migliorie dei gold standard di una volta.   Oggi vorrei parlarvi di un materiale che mi ha aiutato in diverse situazioni essendo estremamente versatile: il BIODENTINE®  (Septodont, St. Maur-des-Fossés, France).   E’ un cemento bioattivo a base di Silicato Tricalcico estremamente performante,che deriva dal famoso e[…]

Leggi di più

Gutta Condensor

Ancora una volta sono qui a lasciare il mio feed-back positivo sull’uso della guttaperca calda per il sigillo tridimensionale del sistema canalare. La sistematica che sto per presentarvi è comoda ma soprattutto economica. La guttaperca calda e’ considerata ad oggi il gold standard della terapia canalare. La maggior parte dei sistemi di otturazione canalare a caldo hanno una curva di apprendimento abbastanza rapida ma elevati costi di gestione (sistema carried-based es. Thermafill 6-10 euro a canale, sistemi di back filling con gutta alpha Es. obtura costo elevato del device) o\e device ingombranti e scomodi da trasportare se si lavora in molte consulenze. Per queste motivazioni usando l’obtura 2 in studio, estremamente scomodo da trasportare in[…]

Leggi di più

ParaPost Taper Lux

    Dopo una cura canalare è sempre necessario mettere un perno? E come fare a scegliere la misura, il materiale più adatto? Come cementarlo? Oggi voglio rispondere a queste domande. Come ben sappiamo i denti devitalizzati sono più fragili di quelli naturali e e possono rompersi più facilmente. Si ritiene che sia la perdita di struttura dentale di carie, traumi o entrambi che rende i denti devitalizzati più sensibili alle fratture; il rischio di frattura aumenta all’aumentare dell’altezza delle cuspidi e all’assottigliamento delle pareti cavitarie. Per cercare di diminuire questo rischio bisogna cercare di proteggere il dente dandogli più struttura quando è necessario in modo tale che le forze di masticazione siano distribuite in[…]

Leggi di più

Traumi dentali in dentizione decidua

I traumatismi dentali sono un incidente frequente tra bambini e adolescenti. Si stima che un paziente su tre subisce un trauma dentale durante la propria vita, gran parte dei traumi dentali avviene in dentatura decidua, e solo il 22% dei traumi interessa i denti permanenti, 80% dei traumi sono localizzati nel mascellare superiore. Fino al 30% dei pazienti che subisce dei traumi dentali ha una recidiva, cioè subisce più traumi nel corso della vita. la maggior parte delle lesioni riportate sono correlate allo svolgimento di attività sportive o ad incidenti durante il gioco. In traumatologia dentale, la gestione dell’urgenza e il tempo sono fondamentali. Dunque, se un bambino arriva nel nostro studio per aver subìto[…]

Leggi di più

RootBuddy

  Endodonzia, oggi vorrei parlarvi di un dispositivo che ho avuto il piacere di provare e che reputo sia particolarmente comodo, specialmente per chi fa endodonzia in consulenza. La Nikincdental ha commercializzato Rootbuddy un sistema di otturazione canalare cordless che utilizza oltre al calore anche la vibrazione e quindi aiuta ad avere una migliore distribuzione e sigillatura della guttaperca nel terzo apicale. La cosa che mi è piaciuta molto di questo dispositivo è il fatto che sia piuttosto versatile, nel senso che ci permette di utilizzarlo in vari modi. Innanzitutto le vibrazioni che genera sono di bassa frequenza (100hz), e in automatico, a seconda dell’inserto che viene inserito, seleziona il grado di calore, in un[…]

Leggi di più

La diga di gomma in odontoiatria: grazie Dott. Barnum!

Oggi è 21 marzo 2016 meno di una settimana fa esattamente il 15 marzo era l’anniversario della scoperta della diga di gomma. Ho voluto scrivere questo articolo perché purtroppo ci sono ancora troppi colleghi che in conservativa ed endodonzia non la utilizzano. Ma andiamo con ordine, vorrei riportarvi le parole utilizzate all’epoca dal Dr. Sanford Christie Barnum: “In quel tempo, quando l’idea della diga di gomma sorse nella mia mente, stavo esercitando a Monticallis, Sullivan Co., New York. Fu il risultato della mia persecuzione da parte della saliva. Avevo passato delle ore, stanco e distratto dalla mia continua lotta contro le continue incursioni della saliva. Avevo passato numerose notti insonni ossessionato dal mio triste fallimento…[…]

Leggi di più

L’ ANESTESIA IN ODONTOIATRIA

Cosa non può mancare a un buon odontoiatra?  Non deve far sentire alcun doloro al paziente quindi saper fare una buona anestesia e scegliere un anestetico adeguato ad ogni tipo di situazione. Oggi parliamo di anestetici. Iniziamo da due semplici concetti: anestesia ed analgesia. L’anestesia locale consiste nella riduzione o eliminazione della percezione del dolore ricorrendo a farmaci che interferiscono con la conduzione nervosa. L’effetto anestetico rimane limitato ad un’area specifica mentre il paziente rimane in stato di coscienza, l’analgesia locale è la diminuzione della sensibilità durante la fase di esaurimento dell’effetto dell’anestetico locale. Se apriamo il nostro cassetto di anestetici ci troveremo sicuramente davanti ad almeno 2-3 tipi differenti ma quali sono le differenze[…]

Leggi di più

Ricostruzioni ONE-SHOT

Parliamoci chiaro, la conservativa possiamo tranquillamente considerarla come il “pane quotidiano” di uno studio odontoiatrico, per questo siamo continuamente alla ricerca di protocolli che rendano più veloce il nostro intervento senza in alcun modo abbassare la qualità. In conservativa ma soprattutto in endodonzia, sono sempre alla ricerca di un composito bulk-fill con il quale poter ricostruire tutto il dente ma che abbia anche una buona estetica. A questo proposito è da un po’ di tempo che utilizzo un composito della 3M che si chiama FiltekBulkfillPosteriorRestorative. E’ un composito fluido particolarmente indicato per i restauri di cavita profonde nel settore posteriore, possiamo applicarlo in strati da 4 mm come un normale bulk fill ma viene venduto[…]

Leggi di più

Odontoiatria vs pacemaker: cosa fare?

Le cardiopatie sono tra le patologie più frequenti e mi capita spesso di avere a studio un paziente portatore di pacemaker. Questo apparecchio non è nient’altro che un generatore di impulsi elettrici, ma come ben sapete, nel nostro studio abbiamo vari dispositivi elettronici che possono creare interferenze, per questo ho voluto creare un protocollo da seguire sia per aiutarmi a gestire questi casi con maggiore sicurezza, sia, facendo riferimento alla bibliografia attuale, capire quanto l’utilizzo dell’anestetico e di determinate apparecchiature odontoiatriche possano influire negativamente sul paziente.   Pacemaker vs anestetico locale Non ci sono interazioni note tra anestetico locale e pacemaker, ci sono però casi in cui è controindicato l’utilizzo di un vasocostrittore, questi sono:[…]

Leggi di più

Copyright © 2016. Created by Evolve Studio