Categoria -Endodonzia

1
Thermafil, semplicità ed efficienza
2
Finishing: rifinitura apicale
3
Come irrighiamo?
4
Il segreto professionale
5
RADIOGRAFIA DIGITALE AI FOSFORI
6
Irrighiamo
7
Cementi canalari
8
Apicoformazione
9
Apicectomia: save the tooth!
10
Glide Path

Thermafil, semplicità ed efficienza

Torniamo a parlare di endodonzia, nello specifico della fase di otturazione canalare. Siamo tutti d’accordo sulla conclusione che l’otturazione realizzata con guttaperca riscaldata ad alta viscosità sia la miglior soluzione considerando la capacità di sigillare condotti accessori e tubuli dentinali che altrimenti non potrebbero essere otturati. Oggi vi voglio parlare del “Thermafil” (Dentsplay/Maillefer),questo sistema di otturazione comprende vari elementi che riporterò in questo articolo descrivendo le varie caratteristiche. Come sempre vi illustrerò le caratteristiche del prodotto, indicazioni, controindicazioni , sistematica clinica ed in fine alcuni tricks. CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO Il sistema di otturazione Thermafil prevede diversi componenti che sono: Carrier(Fig.1) : come abbiamo visto prima sono gli strumenti che andranno ad otturare il canale e[…]

Leggi di più

Finishing: rifinitura apicale

Endodonzia! in passato, in articoli differenti, abbiamo analizzato le prime due fasi importanti della terapia canalare, il preflaring ed il glide path, oggi parleremo del finishing. Il finishing in endodonzia lo consideriamo come la parte finale della nostra strumentazione canalare, in effetti il compito principale è quello di rifinire l’apice ad una dimensione favorevole alla detersione, asciugatura e sigillatura. La teoria microbica di Rickett e Dixon dice che una buona endodonzia deve essere caratterizzata da un buon sigillo, apicale e coronale. Solo in questo modo potremo star sicuri che i batteri intrappolati all’interno del canale non tornino a causare un altra infezione. Ma quale diametro scegliere per sigillare l’endodonzia? Vari studi scientifici hanno dimostrato che parlare di[…]

Leggi di più

Come irrighiamo?

Endodonzia! La volta scorsa abbiamo parlato degli irriganti da utilizzare, oggi parleremo di come portare il nostro irrigante all’interno del sistema canalare in maniera sicura. Nelle nostre cliniche almeno una volta abbiamo avuto problemi derivanti da un utilizzo inadeguato di siringhe ed aghi per i lavaggi endocanalari. L’uso dell’NaOCl è molto diffuso per il basso costo e per il suo utilizzo come irrigante e lubrificante. L’ipoclorito può causare irritazioni moderate, dolore, bruciore e irritazioni più gravi che guariscono in 24/48. Le iniezioni Intradermiche causano ulcerazioni cutanee dolorose che solitamente si curano in 1 mese. Le iniezioni di NaOCl, anche a basse concentrazioni, sono letali per i fibroblasti umani, possono compromettere l’integrità ossea spugnosa e la[…]

Leggi di più

Il segreto professionale

Tempo fa abbiamo parlato del consenso informato e delle sue caratteristiche medico-legali; oggi tratteremo assieme un altro aspetto etico e giuridico della nostra professione. L’odontoiatra è un professionista a continuo contatto verbale con i propri pazienti, che molto spesso, per sfogare lo stress emotivo indotto anche delle terapie odontostomatologiche, tendono a parlare con il professionista stesso. Appare quindi evidente che il medico e anche il dentista siano custodi oltre che delle patologie che affliggono i propri pazienti anche delle informazioni inerenti la loro sfera personale. Da ciò deriva una necessaria tutela della riservatezza del paziente, regolamentata nella professione medica sia a livello disciplinare dal codice di deontologia medica, sia a livello normativo dall’art. 622 del[…]

Leggi di più

RADIOGRAFIA DIGITALE AI FOSFORI

Nonostante i temi piu gettonati del nostro sito siano sempre endodonzia, chirurgia, implantologia e conservativa, oggi parleremo di radiologia… Radiologia digitale o analogica? Oggi voglio rispondere a questa domanda. Per prima cosa cerchiamo di capire cosa significa radiologia analogica e digitale. La prima è la radiografia tradizionale costituita da pellicole e sviluppi fotografici invece si definisce radiologia digitale la raccolta, elaborazione e archiviazione delle immagini radiografiche sotto forma di dati informatici, utilizzando quindi un computer e appositi programmi. Ciò che rimane costante in entrambi i casi è la fonte di esposizione (RX) e il risultato finale (l‘ immagine); ma ciò che si rinnova e si continua ad evolvere è il processo di acquisizione ed elaborazione[…]

Leggi di più

Irrighiamo

Oggi torniamo a parlare di endodonzia..Il trattamento endodontico cerca la disinfezione minuziosa dei condotti radicolari, eliminando i micro-organismi responsabili di tutte le patologie della polpa e peri-apicali presenti nei condotti. È impossibile ottenere una disinfezione dei condotti soltanto con una sagomatura meccanica (effettiva solo sul 75% della superficie) a causa dell’anatomia dentale e dei condotti; per questo gioca un ruolo fondamentale, l’irrigante endodontico. A oggi abbiamo una vasta gamma d’ irriganti che però non soddisfano, singolarmente, tutte le esigenze che gli odontoiatri cercano in loro, principalmente: La Capacità di eliminare i residui organici e inorganici, lubrificare e avere un effetto anti-batterico residuale. Attualmente in commercio gli irriganti che incontriamo sono: • EDTA (acido ethylenediaminetetraacetico) •[…]

Leggi di più

Cementi canalari

L’endodonzia e’ una branca dell’odontoiatria certamente non troppo semplice, soprattutto perché il clinico si trova a doversi districare tra sistematiche diverse di lime, cementi canalari, irriganti, perni e molti altri “accessori”, per questo a volte si rischia di fare confusione..oggi parliamo di cementi canalari per vedere le principali caratteristiche e capire quali siano i migliori da utilizzare, o almeno i più pratici. Innanzitutto quando parliamo di cementi endocanalari ne possiamo distinguere principalmente 6 tipi: A base di ossido di zinco eugenolo A base di resina Epossidica(AH Plus\Sealer 26)  o BisGMA (Diaket) A base di idrossido di calcio (Sealapex\vitapex) A base di silicone (Guttaflow) A base di ionomero di vetro (ketac-endo) A base di MTA (proroot endo Sealer\ Biodentine) Dei cementi a base ZOE (ossido di[…]

Leggi di più

Apicoformazione

Nei nostri studi odontoiatrici delle volte ci troviamo di fronte a dover trattare elementi dentari con apice immaturo a causa di traumatismi infantili, a carie che hanno portato a una necrosi della polpa. Il trattamento endodontico non è per nulla facile poiché è difficile ottenere un sigillo apicale duraturo avendo delle pareti radicolari molto sottili e suscettibili a frattura. Inizialmente per trattare questi elementi era utilizzato l’Idrossido di calcio (Ca(OH)2) per indurre l’apicoformazione, l’unico problema che aveva questo materiale era la possibilità di microfiltrazioni dello stop creato, tempi lunghi di trattamento, perdita da parte del paziente di motivazioni e la conformazione porosa del ponte dentinario che si veniva a formare e le sottili pareti dentinali[…]

Leggi di più

Apicectomia: save the tooth!

Molte volte nelle nostre cliniche ci ritroviamo a dover risolvere problemi riguardanti tumefazioni, dolori dentali, lesioni perirradicolari derivanti da un dente già trattato endodonticamente. È noto che la terapia primaria d’elezione in caso di presenza di lesione periradicolare è da considerarsi il trattamento canalare per via ortograda. Il trattamento retrogrado rappresenta tuttavia una valida alternativa al trattamento ortogrado qualora questo abbia fallito o sia impraticabile, o praticabile ma con elevato rischio di creare perforazioni, false strade, stripping canalari o fratture. Obiettivo della chirurgia endodontica è eliminare i tessuti patologici periapicali, eseguire la resezione dell’apice interessato dalla lesione, creare una corretta sagomatura e detersione della cavità retrograda e infine sigillare tridimensionalmente la stessa. Tale procedura viene[…]

Leggi di più

Glide Path

Ancora endodonzia!! Dopo aver aver parlato del preflaring ed aver evidenziato quali fossero i suoi principali vantaggi, oggi mi sembra giusto affrontare la fase successiva: il Glide Path. Glide Path e’ un termine inglese dove “Glide” significa “scivolare” e “Path” significa “percorso”, possiamo tradurlo quindi come creare un “sentiero scivoloso, liscio”. ma perche’ e’ importante farlo? la maggior parte delle aziende al giorno d’oggi producono strumenti sempre più performanti che, a detta loro, ci permettono di aggredire il canale immediatamente, spesso bypassando la strumentazione manuale e\o il Glide Path. Per la mia esperienza credo sia estremamente importante eseguire una buona strumentazione manuale utilizzando la 8K-10K-10H-15K prima di inserire un Path File nel canale. Questo perché,[…]

Leggi di più

Copyright © 2016. Created by Evolve Studio